chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il popolo ignorato, indesiderato e senza perdono

Celebrazione del Giorno della Vittoria a Baku. Screenshot ripreso dal video report di Azernews.

Questo articolo di Bahruz Samadov è stato precedentemente pubblicato [en – come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] su OC Media. Una versione modificata è di seguito ripubblicata come accordo di collaborazione.

Durante la celebrazione del Giorno della Vittoria dell'8 novembre – una nuova ricorrenza annuale nata per commemorare la vittoria dell'Azerbaigian nella Seconda Guerra del Nagorno Karabakh del 2020 – una folla esultante nel centro di Baku è stata filmata mentre bruciava delle bandiere armene. Il raduno di una folla così grande e chiassosa nel centro della capitale è quasi inimmaginabile in un Azerbaigian dal regime autoritario, ma proprio come durante la guerra stessa, questa forma di espressione di massa non solo è stata tollerata, ma anche incoraggiata.

L'istituzione del Giorno della Vittoria come festa nazionale è destinata a conquistare e a riprodurre l'umore dei cittadini ai tempi della guerra quando l'intera nazione è stata fortemente politicizzata contro il nemico straniero. Il Giorno della Vittoria riprende questa energia per celebrare la vittoria dell'Azerbaigian nella guerra. Al contempo, i racconti che si conformano all'umore celebrativo sono stati attentamente eliminati.

Tuttavia, sebbene i racconti positivi riguardo il Giorno della Vittoria hanno riscontrato successo nel dominare l'opinione pubblica, non lo è stato nei limiti consentiti.

Le storie non conformi e non celebrative sono legate a circoscrizioni e reclami reali che non saranno facilmente dimenticati. E sebbene il governo sia riuscito a mettere da parte l'opposizione attraverso l'istituzione della festività, i recenti scontri tra Armenia e Azerbaigian mostrano che il governo è sempre meno capace di usare questi racconti per mobilitare il popolo per ulteriori conflitti militari.

 

Il popolo ignorato

La vittoria della Seconda Guerra del Nagorno-Karabakh rivendicava una credenza già popolare secondo cui le trattative di pace con l'Armenia non erano adeguate e per il quale la guerra era una necessità inevitabile. Di conseguenza, il conflitto non era inaspettato, né è stato particolarmente traumatico per molti azerbaigiani in termini di costi in vite umane.

Non dovrebbe, dunque, sorprendere se i parenti di coloro che sono morti durante la guerra sono rimasti per lo più nascosti a partire dalla fine del conflitto. La presenza di genitori, figli e spose in lutto avrebbe fornito un contrasto troppo imbarazzante rispetto all'esultanza pubblica sponsorizzata dallo Stato.

Anche l'insoddisfazione dei veterani, comune nelle società del dopoguerra, è stata esclusa nei racconti del Giorno della Vittoria. Questi uomini, vagamente lodati nelle canzoni, nei discorsi e nelle cerimonie pubbliche, spesso si sono sentiti ignorati e poco apprezzati [ab] sia dallo Stato che dalla società in generale. In realtà, vi è stata un'infinità di video [ab], postati online e per lo più condivisi sulle pagine dell'opposizione, di veterani che chiedono donazioni o altri aiuti materiali per sopravvivere.

Un video [ab] diventato virale su TikTok nel Giorno della Vittoria è un esempio tipico di questo fenomeno. Il video, girato da un passante, mostra un veterano in uniforme seduto nella sua auto discutere con un poliziotto che gli ha chiesto di spostare la sua auto data la presenza della folla riunita.

Dopo l'ampia diffusione del video, la Polizia Stradale di Stato ha anche rilasciato una dichiarazione ufficiale sulla questione, commentando che sebbene siano “orgogliosi dei nostri veterani” per alcuni comportamenti, “loro [i veterani] hanno offuscato questo prestigio.”

 

Il popolo indesiderato

Anche se l'opposizione continua a criticare l'insediamento del dopoguerra come una “vittoria incompleta” a causa dello spiegamento delle forze di pace russe a Nagorno Karabash, per la gente comune il racconto del Giorno della Vittoria ha vinto. Per quanto riguarda il popolo, la guerra è finita e la giustizia è stata ripristinata.

Nel bagliore nazionalista di questa vittoria, non ci sono segni da parte del popolo a voler continuare con le operazioni militari, nonostante l'odio duraturo per l'Armenia. Precisamente per questa ragione, gli scontri feroci vicino al confine non hanno ottenuto nemmeno la metà del supporto nella guerra un anno fa. Al contrario, lo scontro ha causato l'incomprensione e ha solo sollevato nuove domande.

Sebbene il governo azerbaigiano possa considerare l'idea di raccontare feroci storie irredentiste, come rivendicare Yerevan oppure minacciare di aprire con la forza un passaggio attraverso l'Armenia meridionale, esistono poche voci tra il popolo che sostengano questa teoria.

Pertanto, i nuovi scontri che sono scoppiati solo una settimana fa dopo il Giorno della Vittoria non hanno riscontrato il fervore patriottico, bensì un gran numero di voci che denunciano apertamente la possibilità di intraprendere una guerra. Nonostante la spettacolare e profonda celebrazione del Giorno della Vittoria, la maggior parte del popolo ha constatato che l'economia è crollata [ab] nel dopoguerra e che si sono verificati numerosi cambiamenti istituzionali che la società civile sperava non fossero mai avvenuti.

Ciò non significa che questi “sentimenti pacifisti” nascano da un nuovo senso di umanità o empatia di massa. I video dei soldati armeni filmati recentemente, mentre venivano colpiti e rimproverati, hanno suscitato solo il silenzio dei “difensori dei diritti umani” dell'Azerbaigian. La società azerbaigiana potrebbe essere stufa della guerra, ma gli armeni restano il popolo odiato.

 

Il popolo senza perdono

Fatta eccezione per la politica di massa della commemorazione della vittoria sancita dallo Stato, l'Azerbaigian è entrata in una condizione di depoliticizzazione pubblica senza precedenti.

I partiti oppositori, non importa quanto nazionalisti possano essere, non sono mai stati più deboli o meno rilevanti. Solo per fare un esempio, l'attuale sciopero della fame di Saleh Rustamli, un veterano che ha combattuto nella Prima Guerra del Nagorno-Karabash, prigioniero politico e attivista del Fronte Popolare (PNFA) d'opposizione, non ha suscitato il sostegno popolare nè la solidarietà.

Nel frattempo, sempre più esponenti dell'opposizione sono finiti dietro le sbarre. All'inizio di novembre, Agil Humbatov, un'altro attivista del PNFA, è stato condannato a 10 anni di prigione per discutibili accuse di aggressione armata. Un mese prima che, Niyammed Ahmedov, un altro membro del partito e un convinto sostenitore del leader del PNFA Ali Karimli, è stato sentenziato a 13 anni per presunte accuse di finanziamento del terrorismo.

Al momento, il governo azerbaigiano ha raggiunto nuove vette di legittimità popolare e potere, ma teme che un giorno ciò possa cambiare.

In definitiva, il racconto sul Giorno della Vittoria è pressoché soffocante nella sua diffusa permeazione della società azerbaigiana, ma è anche vulnerabile. La violenza del conflitto che si ritiene conclusa, è tornata ad esplodere nel giorno della festività. Molti veterani, vagamente idolatrati dallo Stato, in verità, sono abbandonati nel risentimento. Il popolo, contento del ripristino dell'orgoglio nazionale sul campo di battaglia, non sembra disposto a sacrificare altro sangue.

Storie recenti Asia centrale & Caucaso

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.