chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

USA: Sony rilascia il film The Interview su Google Play e YouTube sfidando gli hacker

Schermata da http://www.theinterview-movie.com/

Schermata da http://www.theinterview-movie.com/

Nonostante le crescenti polemiche che da giorni interessano il film satirico di Sony Pictures The Interview, il 24 dicembre scorso Google ha deciso di rendere disponibile la pellicola, che ha come protagonisti Seth Rogen e James Franco, in streaming a pagamento su Google Play e YouTube Movies. Spiegando la presa di posizione, Google ha dichiarato di non voler “permettere che pochi individui stabiliscano i limiti della libertà di parola in un altro Paese” [en, come i link a seguire, tranne dove diversamente indicato].

Sony Pictures aveva inizialmente rinunciato alla distribuzione del film nelle sale statunitensi, in seguito alle intimidazioni da parte di un gruppo di hacker legato, secondo le autorità USA, alla Corea del Nord. Il gruppo, noto come “Guardiani della Pace”, chiedeva il ritiro de The Interview, definendolo “film del terrorismo”, con esplicite minacce nei confronti delle sale che avessero scelto di proiettare la pellicola. La trama narra la vicenda di due giornalisti (Rogen e Franco) che ricevono dalla CIA l'incarico di assassinare il leader nordcoreano Kim Jong-un.

Negando qualsiasi coinvolgimento, la Corea del Nord si è offerta di collaborare con il governo USA nelle indagini per far luce sulla vicenda. Malgrado i dubbi di alcuni esperti indipendenti sulle prove contro la Corea del Nord sulle effettive responsabilità dell'azione, il Presidente Barak Obama ha dichiarato alla CNN l'intenzione di reinserire la Corea del Nord nella lista dei Paesi terroristi, da cui era stata rimossa nel 2008.

David Drummond, capo dell'ufficio legale di Google, scrive:

Mercoledì scorso Sony ha cominciato a contattare una serie di compagnie, inclusa Google, chiedendo la disponibilità a distribuire online “The Interview”. Anche noi ci avevamo pensato, e abbiamo offerto volentieri il nostro aiuto, pur tenendo a mente le possibili implicazioni in ambito si sicurezza per via di quanto accaduto in precedenza.

Ovviamente tutti speravano in un qualche altro sviluppo che portasse all'uscita del film. Ma dopo aver valutato la situazione, Sony e Google hanno deciso che non si ci si poteva mettere da parte permettendo che una manciata di individui stabilissero i limiti della libertà di parola di un altro Paese. (per quanto ridicoli potessero essere i contenuti).
Quindi, a partire dalle 10 PDT, negli USA sarà possibile acquistare o noleggiare “The Interview” su Google Play e su  YouTube Movies. Il film sarà disponibile anche per gli utenti di Xbox Video e su www.seetheinterview.com

Sto guardando The Interview su Youtube

L'uscita è stata salutata con entusiasmo dai due protagonisti del film:

Buon Natale AMERICA! !!!!!THE INTERVIEW È DISPONIBILE!!!!!! !!!Guardatelo qui!!! Grazie SONY!!!!!!!!

Vuoi vedere The Interview?? Cazzo, ADESSO puoi!! Vai sul sito. Grazie Sony per aver reso possibile tutto questo. Evvai!

Visto che una commedia si gusta meglio in un cinema pieno di gente, vi consiglierei di guardarla così. Oppure invitate degli amici a casa.

Simon Houpt, Senior Media Writer di Globe and Mail, ha invece delle cattive notizie:

Povero SethRogen: The Interview Non potrà gareggiare per l'Oscar. Le regole degli Academy escludono le prime online Poco male verrebbe da dire, visto che le prime recensioni sono tutt'altro che favorevoli:

Non credo che guarderò The Interview, ma volevo avere la libertà di scegliere se farlo o meno.

Bene che si discuta di libertà in ambito cinematografico. Peccato che il dibattito sia nato da un film così mediocre.

Dopo le minacce di “attacchi terroristici” del 16 dicembre scorso da parte dei Guardiani, nei confronti delle sale che avessero programmato The Interview, Rogen e Franco avevano cancellato la propria partecipazione a una serie di eventi promozionali, e Sony aveva interrotto gli spot televisivi riguardanti il film. Il giorno seguente era stata cancellata anche la prima nei cinema statunitensi, visti i timori di gran parte delle compagnie cinematografiche. Il 23 dicembre Sony aveva annunciato l'uscita in alcuni cinema indipendenti per il giorno di natale. Il 24 il film viene distribuito su Google Play e YouTube Movies.

@piersmorgan Se comprate The Interview con carta di credito la cloneranno e ruberanno tutte le vostre informazioni.

Lo scorso novembre Sony Pictures aveva subito un grave attacco informatico da parte dei Guardiani della pace che, beffati i sistemi di sicurezza di Sony, aveva rubato migliaia di email e documenti riservati, lasciando dei messaggi intimidatori. I Guardiani avevano minacciato di diffondere il materiale rubato se il film fosse stato distribuito. Il gruppo aveva inoltre pronunciato violente minacce nei confronti dei dipendenti Sony e delle loro famiglie.

Già nel giugno 2014 gli Stati Uniti avevano ricevuto da parte della Corea del Nord minacce di ritorsioni “spietate”, qualora Columbia Pictures, società controllata da Sony, avesse dato il via alla programmazione. La prima era quindi stata spostata dal 10 ottobre al 25 dicembre, a quanto pare per permettere delle modifiche che avrebbero reso il film meno sgradito alle autorità nordcoreane.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.