chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Approfondimento: una legge degli USA sulla democrazia e i diritti umani può proteggere la libertà di Hong Kong

I manifestanti di Hong Kong vogliono che il governo degli USA approvi l'Hong Kong Human Rights and Democracy Act; è frequente vedere bandiere americane nelle scene di protesta a Hong Kong. Immagine tratta da Stand News.

Il 20 novembre 2019, il Senato degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità una legge che ha l'obiettivo di proteggere lo status autonomo di Hong Kong e i diritti civili dei suoi residenti.

Proposta nel 2014 e ripresa dalla Commissione della Camera dei rappresentanti il 13 giugno 2019 – subito dopo lo scoppio delle proteste contro l'estradizione – l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] (Legge di Hong Kong sui diritti umani e la democrazia) assicura che il Dipartimento di Stato degli USA fornirà ogni anno al Congresso un resoconto sullo status di autonomia e sui diritti umani a Hong Kong, al fine di valutare se gli Stati Uniti debbano continuare o meno le loro relazioni bilaterali esclusive. I funzionari di Hong Kong che hanno violato le libertà dei cittadini verrebbero sanzionati con il divieto di rilascio del visto e il congelamento dei beni.

Siccome il 21 novembre la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha votato a favore dell'approvazione della proposta di legge del Senato, il passaggio finale per la sua attuazione implicherebbe la firma da parte del presidente degli USA Donald Trump nei prossimi giorni.

Pechino è furiosa per la decisione del Senato di approvare la legge. Il portavoce del ministro degli esteri cinese Geng Shuang ha condannato questa “intromissione esterna”, e ha minacciato che ci saranno “conseguenze negative”.

Per chi non conosce la storia coloniale di Hong Kong e la Costituzione politica della città, questa legge degli USA su Hong Kong potrebbe essere vista come un tentativo di ingerenza esterna. Tuttavia, da quando Hong Kong è stata ceduta alla Cina nel 1997, l'autonomia della città è stata garantita da un trattato internazionale stipulato nel 1984 – la Dichiarazione congiunta sino-britannica – che stabilisce il principio di “un paese, due sistemi” [it]. Questa dichiarazione delinea la struttura di una mini Costituzione della città, la Legge fondamentale, e assicura a Hong Kong la possibilità di firmare una serie di Convenzioni delle Nazioni Unite, tra cui la Convenzione sui Diritti Umani.

In seguito al massacro di piazza Tiananmen [it] del 1989, nel 1992 il governo statunitense ha emanato l'Hong Kong Policy Act, in modo da garantire lo status autonomo di Hong Kong come presupposto per il trattamento speciale della regione come zona doganale e commerciale separata. Questa legge ha garantito a Hong Kong accordi bilaterali favorevoli nei settori del commercio, dell'economia, della finanza, dell'aviazione, dei trasporti marittimi e della tecnologia.

Ma per la prima volta dal 2014, quando è stata proposta la legge sui diritti umani e la democrazia di Hong Kong, la sua autonomia si è ridotta sempre più rapidamente a causa della reinterpretazione di Pechino della Legge fondamentale. Il 31 agosto 2014 la Cina ha imposto un meccanismo di controllo sulle elezioni dell'amministratore generale di Hong Kong nell'ambito della riforma elettorale. Nel 2016 c'è stato il presunto rapimento oltre frontiera di alcuni librai [it], e l'anno successivo la squalifica di alcuni legislatori per aver prestato giuramento.

In tutto questo il governo statunitense non disponeva di strumenti giuridici con cui affrontare la situazione, poiché l'Hong Kong Policy Act del 1992 non prevede un meccanismo di revisione dello status di autonomia di Hong Kong. Pertanto, al Congresso statunitense del 2017 è stata presentata una bozza dell'Hong Kong Human Rights and Democracy Act, ma la modifica dell'ormai obsoleta legge del 1992 sulla politica di Hong Kong era stata messa da parte fino allo scoppio delle proteste anti estradizione del giugno 2019.

La nuova legge comprende un meccanismo di controllo e sanzione in modo da assicurare che lo “stato di autonomia” della città sia conforme alla Dichiarazione congiunta sino-britannica e alle Convenzioni dei diritti umani delle Nazioni Unite. La versione finale della legge approvata dal Senato statunitense ha dato maggior peso allo status internazionale di Hong Kong, sottolineando che il governo degli USA “collaborerà con alleati, tra cui Regno Unito, Australia, Canada, Giappone e la Repubblica di Corea, per promuovere la democrazia e i diritti umani a Hong Kong”.

La legge consente di trattare dettagliatamente la valutazione dei diritti umani – tra cui l'istruzione, la libertà di stampa (compreso Internet) e le funzioni di polizia e di sicurezza – nei suoi rapporti periodici. Inoltre, dà al governo statunitense il potere di vietare ai giornalisti che lavorano per organizzazioni mediatiche affiliate al Partito comunista cinese di entrare negli Stati Uniti, e di bloccare la fornitura di attrezzature per il controllo e la sorveglianza che potrebbero essere usate in modo inappropriato contro i cittadini di Hong Kong.

Tramite l'account Twitter di Radio Free Asia, il fumettista politico Rebel Pepper descrive le implicazioni della nuova legge su Hong Kong:

Come Rebel Pepper, la maggioranza dei cittadini di Hong Kong a favore della democrazia crede che la legge compenserà l'invasione della Cina a Hong Kong, soprattutto perché l'indipendenza doganale e commerciale della città, riconosciuta dalla comunità internazionale, è la chiave del successo del centro finanziario globale.

La Cina dipende da Hong Kong per attrarre fondi e investimenti esteri. Nel 2018, dei 64.2 miliardi di dollari che le società cinesi hanno raccolto in tutto il mondo attraverso offerte pubbliche iniziali, oltre il 50%, per un valore di 35 miliardi di dollari, proveniva dal mercato azionario di Hong Kong. Le quotazioni delle città cinesi continentali hanno raggiunto solo 19.7 miliardi di dollari.

Siccome la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti si è intensificata, la Borsa di New York aveva inizialmente pianificato di comprare la Borsa di Londra (LSE), in modo da garantire maggiori canali alle aziende cinesi per attrarre finanziamenti stranieri nel mercato azionario internazionale, ma dopo che la direzione della Borsa di Londra ha rifiutato questa offerta e Hong Kong rimane per la Cina la principale fonte di capitali stranieri.

D'altra parte, anche gli Stati Uniti hanno enormi interessi economici a Hong Kong. Nel 2018 la più ampia eccedenza commerciale bilaterale degli Stati Uniti – 31.1 miliardi di dollari – è stata con Hong Kong. La sospensione del suo status di zona doganale e commerciale separata danneggerebbe, perciò, gli interessi economici americani..

Mentre è improbabile che la Cina allenti la sua presa su Hong Kong, Pechino sarà probabilmente più cauta nell'effettuare ulteriori interventi aggressivi che possano minare l'autonomia politica e legale della città. La stabilità di Hong Kong sarebbe vantaggiosa per tutti i protagonisti della vicenda, così come porre fine all'autonomia della città sarebbe dannoso per tutti gli interessati.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.