chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il vaccino contro la COVID-19 in Africa: intrappolata tra diplomazia cinese e nazionalismo occidentale, parte I

Le persone a Mali prendono precauzioni contro la COVID-19. Immagine di World Bank/Ousmane Traore, 18 Marzo, 2020, (CC BY-NC-ND 2.0)

Nota dell'editor: Questa è un'analisi in due parti sulla politica dietro l'approvvigionamento dell'Africa dei vaccini contro la COVID-19. Il continente sembra costretto a guardare alla Cina piuttosto che all'Occidente. Leggi la seconda parte qui [it].   

Il governo nigeriano, il 5 gennaio, ha manifestato interesse a procurare vaccini contro la COVID-19 dalla Cina.

Geoffery Onyeama, ministro degli Esteri della Nigeria, ha dichiarato che la Nigeria  “si sta impegnando [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] con la Cina” per avere accesso ai vaccini contro la COVID-19 per il Paese, durante una conferenza stampa con Wang Yi, ministro degli Esteri cinese ad Abuja.

Oggi ho tenuto un incontro bilaterale con Wang Yi, Consigliere di Stato cinese e Ministro degli Esteri in visita. Ho firmato un accordo per istituire un comitato intergovernativo per coordinare la cooperazione tra i nostri due paesi. 🇳🇬🇨🇳

L'annuncio di Onyeama è stato significativamente interessante in quanto ha offerto un timbro ufficiale su molti Paesi africani in movimento verso Pechino – piuttosto che verso l'Occidente – per acquisire il vaccino coronavirus per le loro popolazioni. Anche il Kenya ha mostrato interesse per i vaccini cinesi.

Alla data del 29 gennaio, la Nigeria aveva registrato 27.024 casi confermati di COVID-19, 100.858 guariti e 1.547 morti. Nel dicembre dello scorso anno, la nazione più popolosa dell'Africa ha registrato “un forte aumento” dei casi e dei decessi correlati alla COVID-19, secondo il centro di controllo delle malattie della Nigeria.

Tra diplomazia “soft power” e nazionalismo del vaccino

Perché le nazioni africane si rivolgono alla Cina per i vaccini? Per prima cosa, la Cina ha assicurato alle nazioni africane grandi sconti, mentre l'Occidente è impantanato in sistemi di mercato legati a società farmaceutiche private, con vaccini che hanno etichette di grande prezzo.

Ma la volontà della Cina di distribuire i vaccini in Africa come priorità – e con uno sconto – si imbatte con analisti che si interrogano sull'uso della “diplomazia soft-power” nel continente.

Joseph S. Nye, Jr., emerito professore alla John F. Kennedy School of Government dell'Università di Harvard, descrive il soft power come “la capacità di influenzare gli altri per ottenere i risultati che si vogliono attraverso l'attrazione e la persuasione piuttosto che la coercizione o il pagamento.” 

Yangzhong Huang, direttore degli studi sanitari globali presso la Seton Hall University’s School of Diplomacy and International Relations ha detto al The World che la diplomazia “soft power” in Africa che utilizza i vaccini contro la COVID-19 non solo sta migliorando l'immagine della Cina, ma anche riscrivendo la narrazione sulla gestione della Cina della pandemia globale. Di conseguenza, la Cina ha anche “descritto se stessa come una potenza globale benigna”, dice Huang.  

D'altra parte, l'approccio nazionalista dei vaccini occidentali si appoggia alle aziende private e al sistema del libero mercato per determinare chi ottiene il vaccino.

A metà gennaio 2021, più di 7 miliardi di dosi di vaccino erano state acquistate a livello globale. Tuttavia, un piccolo gruppo di Paesi ricchi – che comprende solo il 16% della popolazione mondiale – ha acquisito “4,2 miliardi di dosi” che si traduce nel 60% dei vaccini contro la COVID-19, secondo il Global Health Institute (DUGHI) della Duke University.

Il Canada ha già ordinato abbastanza dosi potenziali “per coprire più di cinque volte la loro popolazione”, e altri paesi ad alto reddito, come gli Stati Uniti, hanno  abbastanza vaccini da “coprire le loro popolazioni più di una volta”, afferma il DUGHI. 

Il nazionalismo del vaccino occidentale ha lasciato il resto del mondo – specialmente i Paesi africani – in cerca di alternative.

Vaccini cinesi e occidentali contro la COVID-19 a confronto

Due società cinesi, Sinovac e Sinopharm, hanno prodotto vaccini per il coronavirus. Coronavac di Sinovac è considerato un vaccino inattivo che impiega “particelle virali uccise per esporre il sistema immunitario del corpo al virus senza rischiare in risposta una grave malattia.” Anche Sinopharm produce un vaccino inattivo che funziona in modo simile

I vaccini Moderna e Pfizer (messenger) mRNA, d'altra parte, iniettano un coronavirus attenuato nel corpo, innescando in tal modo “una risposta immunitaria” che “produce anticorpi” all'interno del corpo, che “ci proteggono dall’ essere infettati se il vero virus entra nei nostri corpi,” secondo il Centro per il Controllo delle Malattie.

Sinovac e Sinopharm, come tutti i vaccini inattivi, sono più adatti alla maggior parte dei climi africani perché possono essere conservati in un frigorifero a temperatura standard, tra 2 e 8 gradi Celsius. Il vaccino Pfizer-Biontech richiede una cella frigorifera a meno di 80 gradi Celsius

Il vaccino Moderna contro la COVID-19  “arriva congelato alla struttura di ordinazione tra -25 gradi a -15 gradi Celsius,” ma può essere conservato a “temperature frigorifere standard, da 2 a 8 gradi Celsius, per 30 giorni.” Pertanto, è adatto anche per la maggior parte delle aree rurali in Africa. 

Invece, l'efficacia del Coronavac di Sinovac è avvolta dalla confusione.

Il 13 gennaio, CoronaVac ha avuto un tasso di efficacia del 50,4%, dopo gli studi clinici di fase III condotti dal Butantan Institute del Brasile, come riporta il quotidiano online South China Morning Post.

Questo è stato un deficit significativo dai dati rilasciati una settimana prima dal governo brasiliano, che ha dato un punteggio minimo del 78 per cento di efficacia per il vaccino dopo un test in fase avanzata. 

L'efficacia del vaccino Pfizer-Biontech è del 52% dopo la prima dose e sale al 95% dopo la seconda dose, dice uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine. Il vaccino Moderna contro la COVID-19 è efficace al 94,5% nella prevenzione del COVID-19.

Ogni dose del vaccino Moderma costa tra i 32 e i 37 dollari, mentre il vaccino Pfizer-BioNTech va sui 20 dollari a dose. Entrambi i vaccini sono somministrati in due dosi. Sembra che ci siano costi variabili di Coronavac – 200 yuan (circa 30 dollari) per dose in Cina, e tra 5 e 38 dollari per dose nei Paesi del sud-est asiatico.

Un certo numero di Paesi, tra cui l'Egitto, gli Emirati Arabi, la Giordania e l'Indonesia, hanno autorizzato i vaccini COVID-19 prodotti dalla Cina per uso di emergenza.

I vaccini cinesi sono stati approvati in Brasile, Indonesia, Filippine e Turchia – dove si prevede che saranno prodotti.

La “via della seta sanitaria” cinese in Africa

Arrivo di forniture mediche all'aeroporto internazionale di Tambo OR donate dalla Repubblica Popolare Cinese al Sud Africa per aiutare con la lotta contro la Covid-19. Immagine di GCIS, 13 aprile 2020, (CC BY-ND 2.0).

La cooperazione medica della Cina in Africa è iniziata nel 1963, quando hanno inviato la loro prima squadra medica in Algeria, nell'Africa settentrionale. 

Oltre 20.000 operatori sanitari cinesi lavorano in diverse parti dell'Africa dal 1963, e circa 200 milioni di africani hanno beneficiato di interventi medici cinesi nel continente.    

L'aiuto sanitario della Cina al continente è “cresciuto sostanzialmente” attraverso una maggiore accessibilità dei servizi medici, dei sistemi sanitari pubblici e la costruzione “della capacità degli operatori sanitari nei paesi africani”, afferma Dr. Garrison Daly, e altri sei studiosi di sanità pubblica.

Kris Lancaster e altri due colleghi del gruppo di riflessione sulla politica estera statunitense, il Consiglio per le Relazioni Internazionali, hanno descritto la “via della seta sanitaria” come lo sforzo cinese “di ridimensionarsi come leader globale responsabile della salute” promuovendo una “vasta campagna diplomatica pubblica e l'invio di aiuti medici in tutto il mondo.”

La strada della seta sanitaria è un'estensione dell'ambiziosa Belt and Road Initiative (BRI [it]), una strategia globale di sviluppo delle infrastrutture adottata dal governo cinese nel 2013 per investire in quasi 70 paesi.

Ma questo aiuto sanitario è stato descritto come “opportunista” o manifestazione di “soft power” cinese, oppure come un tentativo di sfruttare le “risorse naturali” o accaparrarsi “favori politici” dai Paesi africani, secondo uno studio condotto dal Dr. Shuang Lin, uno specialista di medicina familiare a El Cajon, California, e altri.  

Questa percezione persiste tutt'oggi. È stata, tuttavia, amplificata dalla pandemia della COVID-19, in seguito alla magnanima assistenza della Cina verso i Paesi africani per mitigare la diffusione del virus.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.