chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Piccole ma complesse: le inaspettate ramificazioni politiche delle enclavi

Enclavi ed exclavi nella Valle di Fergana. Immagini di Radio Free Europe/Radio Liberty canale YouTube.

Verso la fine dell'aprile 2021, una lite personale apparentemente innocua avvenuta nel villaggio di Kok-Tash, zona sud-occidentale del Kyrgyzstan, ha dato vita ad un conflitto militare [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] con il Tajikistan. Due giorni e 49 morti dopo, i leader del Kyrgyzstan e del Tajikistan si sono accordati per un cessate il fuoco, il quale si è rivelato precario. Solo dal 3 maggio la situazione è migliorata e i residenti hanno iniziato a fare un bilancio dei danni personali e materiali dei loro villaggi.

Durante lo scontro militare, l'enclave del Vorukh è emerso tra le notizie come la nuova zona pericolosa del conflitto tra Tajikistan, il Paese di appartenenza, e Kyrgyzstan, il Paese che racchiude questo villaggio.

Per il Tajikistan Vorukh è un ‘exclave’, mentre per il Kyrgyzstan un enclave.

Il dizionario Merriam-Webster definisce enclave “un'unità territoriale, culturale o sociale distinta, racchiusa all'interno o come se si trovasse all'interno di un territorio straniero.” Le parole chiavi qui sono ‘distinta’ e ‘come se si trovasse all'interno’, perché possono dare spazio all'interpretazione. Pertanto, una parte di un Paese completamente circondata da un altro è un exclave, mentre il Paese che lo circonda diventa un enclave.

In alcuni casi, come in questo articolo riguardo un ricco quartiere nel New Jersey, nella costa orientale degli Stati Uniti, la caratteristica distintiva dell'enclave appena descritta si basa sul reddito e sulla ricchezza. In altre parole, la definizione principale è geografica, ma potrebbe avere anche delle connotazioni socioeconomiche o linguistiche.

Intenso conflitto nel Caucaso meridionale

Le enclavi esistono a causa di insediamenti storici o di delimitazioni territoriali gestiti accuratamente. Nel corso della storia, la sovrapposizione di confini e amministrazioni ha trasformato alcuni di questi spazi, generalmente porosi e condivisi tra le persone, in centri di sovranità contesa.

Alla fine del 2020, per risolvere la sovranità della regione dell'enclave conosciuta come Nagorno-Karabakh, l'Azerbaijan e l'Armenia hanno combattuto una guerra di sei settimane. Mediante lo sforzo bellico, il governo dell'Azerbaijan riconquistò la sovranità su un terzo del territorio, che dal 1994 era diventata un'enclave armena di fatto all'interno del territorio dell'Azerbaijan. In Armenia, la regione del Nagorno-Karabakh è conosciuta come la Repubblica dell'Artsakh.

Il territorio dell'Azerbaijan dispone anche di un exclave, la Repubblica Autonoma di Nakhchivan, separata dalla terraferma da una striscia di territorio dell'Armenia, la provincia di Syunik . Verso la fine di luglio, dei nuovi scontri sono stati registrati nei pressi del villaggio armeno di Yeraskh e del villaggio azero di Heydarabad lungo il confine di Nakhchivan.

Nel corso degli ultimi secoli, le regioni del Caucaso meridionale sono state soggette al dominio iraniano, russo e sovietico, subendo continue configurazioni amministrative che spiegano la mappa di oggi.

“File:Caucasus-vector-map.svg” di mapsproject marcato con CC0 1.0

La Valle di Fergana

L'Asia Centrale è una delle regioni con la più alta concentrazione di di enclavi ed exclavi. I confini amministrativi nella Valle di Fergana, ripartiti tra Kyrgyzstan, Tajikistan e Uzbekistan, sono stati rivisti più volte durante il periodo sovietico, fino alla Costituzione del 1936 che ha fissato la maggior parte delle delimitazioni, quantomeno sulla carta.

Nel suo libro del 2014, Border Work, la studiosa Madeleine Reeves sottolinea quanto siano “disordinati, contestati e spesso intensamente sociali” i concetti di confine e integrità territoriale.

Nel 2013, l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha pubblicato un un report di una pagina sulle tensioni legate alla composizione etnica delle varie enclavi ed exclavi nella valle. Gli scontri tra le guardie di frontiera del Kyrgyzstan e dell'Uzbekistan, così come piccoli incidenti di frontiera tra il Tajikistan e il Kyrgyzstan, sono continuati per decenni.

Mentre sono frequenti gli incidenti transfrontalieri nella regione, i conflitti aperti erano più rari, fino al 2018.

Un documento ACLED del 2020 sostiene che gli scontri si siano intensificati nonostante i tentativi di negoziare misure di risoluzione dei conflitti alla frontiera.

Between January 2018 and May 2020, most confrontations have taken place between Tajik villagers in the Vorukh exclave and Kyrgyz villagers in the surrounding villages, notably in Ak-Sai and Kok Tash [sic].

Tra gennaio 2018 e maggio 2020, la maggior parte degli scontri hanno avuto luogo tra gli abitanti del villaggio Tajik nell'exclave di Vorukh e gli abitanti di Kyrgyz nei villaggi circostanti, in particolare in Ak-Sai e Kok Tash [sic].

A metà marzo 2019, infatti, un conflitto che ha coinvolto guardie di frontiera del Kyrgyzstan e Tajikistan ha provocato due morti e 20 feriti.

Il conflitto del 2021 si diffuse da Kok-Tash ai villaggi vicini al confine ed è stato attribuito all'interesse ad accedere a risorse idriche vitali in un pezzo di terra altamente conteso.

Riguardo la recente guerra di confine, l'esperto di sicurezza regionale Farkhod Tolipov scrive:

[Enclaves] have been symbols of unity and indivisibility of people residing in and around the enclaves; and at the same time functioned as instruments of micro-geopolitical games between Central Asian states

[Le enclavi] sono state simboli di unità e indivisibilità delle persone residenti all'interno e intorno le enclavi; e allo stesso tempo hanno funzionato come strumenti di giochi micro-geopolitici tra gli stati dell'Asia Centrale

Difatti, prima dello scoppio del conflitto, il Presidente Tagiko Emomali Rakhmon disse ai suoi compatrioti che non aveva intenzione di proporre uno scambio di terre tra l'exclave Vorukh e il territorio kirghiso.

Date le complesse dinamiche di viaggio e di commercio tra i territori e le varie exclavi ed enclavi, ancora non è chiaro se le guerre di confine in Asia Centrale e nel Caucaso Meridionale possano “accendersi” di nuovo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.