chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

· novembre, 2011

articoli mini-profilo di Sviluppo da novembre, 2011

25 novembre 2011

Kenya: Dadaab, il campo profughi più affollato del mondo

Drammatica la situazione nel campo profughi più affollato del mondo: ospita 450.000 le persone (la maggioranza dei quali fuggiti dalla siccità e dalla guerra civile...

24 novembre 2011

Mali/Niger: Tuareg chiedono (discretamente) l'autonomia dell'Azawad

Dopo gli eventi libici, gli esperti di politica internazionale preannunciano la rivolta dei Tuareg. Minaccia fantasma o realtà pericolosa? Al momento l'unico modo per scoprirlo...

5 novembre 2011

Brasile: il movimento #OccupyBeloMonte viene cacciato dal cantiere

Il 27 ottobre, gruppi indigeni dell'area del fiume Xingu hanno occupato il cantiere della tanto controversa centrale di Belo Monte. L'intervento della polizia, però, ha...

4 novembre 2011

Israele: dissenso dei netizen nei confronti di un possibile attacco all'Iran

Secondo quanto lasciato trapelare su numerose testate nazionali, lo Stato di Israele starebbe pensando a un attacco preventivo nei confronti dell'Iran. Nonostante la minaccia potenziale...

1 novembre 2011

Brasile: il caso Belo Monte va in tribunale

Il caso Belo Monte -riguardante la costruzione di una centrale elettrica nella regione brasiliana di Xingu- è stato portato in tribunale il 17 ottobre. Su...

Brasile: il niobio, ricchezza nazionale a prezzi stracciati?

Il niobio è uno dei metalli più rari e usati al mondo, e il 95% della produzione mondiale deriva dai giacimenti situati in Brasile. Tuttavia,...

Israele: nuova ondata di proteste, per le strade e su Internet

Il 29 ottobre è partita una nuova ondata di manifestazioni del movimento per la giustizia sociale. Prima di scendere in piazza, molti hanno espresso online...