chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I truffatori di criptovalute bombardano gli utenti di Facebook con falsi annunci tratti da Forbes.com

Pagina Facebook sui cookie che pubblicizzano criptovalute. Sospettoso? Foto di Meta.mk, utilizzata con il permesso.

Questa storia si basa su un rapporto dell’ agenzia Meta.mk News [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], progetto della Fondazione Metamorphosis, partner di Global Voices per i contenuti.

I truffatori che usano falsi articoli di Forbes e disinformazione contro l'Unione Europea come esca continuano a rivolgersi agli utenti Facebook in tutta Europa, ha avvertito Metamorphosis Foundation dal suo quartier generale a Skopje.

Metamorphosis è un'organizzazione della società civile della Macedonia settentrionale che promuove i diritti digitali e l'alfabetizzazione mediatica.

Il suo monitoraggio dei social network ha rivelato che i truffatori continuano a utilizzare gli annunci di Facebook camuffati da link ad articoli del rispettato Forbes.com, riguardanti le tendenze di disinformazione che coinvolgono la Cina e anche l'Unione Europea, come la Svezia.

Sample of the Facebook ads promoting a fake Forbes.com article, actually leading to website run by scammers. Photo by Meta.mk.

Un esempio di pubblicità su Facebook che promuove un falso articolo di Forbes.com che in realtà porta a un sito web gestito da truffatori. Foto di Meta.mk.

Il 19 maggio, il Ministero dell'Interno della Macedonia settentrionale ha avvertito i cittadini che i truffatori utilizzano i social media e la posta elettronica per inviare link falsi camuffati ad esempio da articoli di Forbes.com per promuovere l'acquisto di una presunta nuova criptovaluta cinese.

I cittadini che cliccano sui link e forniscono dati personali ai truffatori ricevono poi telefonate che li convincono ad iniziare ad “investire” con pagamenti alla consegna di 250 dollari.

Vengono utilizzate anche altre tecniche di manipolazione per indurre gli utenti ad aumentare la tariffa.

L'unità anticrimine della polizia macedone ha sostenuto che i link fasulli conducono ad un sito web creato in Ucraina, presumibilmente gestito da un cittadino russo, in modo simile alla negazione a forma di piramide di OneCoin della truffatrice bulgara Ruja Ignatova, che ha causato oltre 4 miliardi di dollari di danni in tutto il mondo.

I dati che Facebook ha fornito pubblicamente sulla portata geografica degli annunci che promuovono questi link suggeriscono che essi hanno raggiunto oltre i confini della Macedonia settentrionale.

Gli avvisi manipolatori aiutano i truffatori a raccogliere i dati personali delle vittime

Metamorphosis ha identificato diversi annunci simili attivi nei social network. Gli utenti che cliccano su questi annunci vengono reindirizzati ad indirizzi come https://fishing2510.myshopify.com/blogs/news/dollar-faces-the-threat-of-being-displaced-by-chinadigital-currency?fbclid=IwAR3x_uvBatgzsr_wLZtDF1z5A1L7cb5F-T_-kefu36mP7n2I4dPk4jzf8N4 anziché al sito di Forbes.com .

Bardhyl Jashari, direttore esecutivo di Metamorphosis, ha spiegato [mk]:

Преку манипулативни огласи, измамници продолжуваат да допираат до корисниците на социјалните мрежи низ целиот свет. Користејќи ги податоците кои „Фејсбук“ ги прави јавно достапн како почетна точка на истражувањата, тимот на „Метаморфозис“ откри дека истите огласи им се покажуваат на корисници во скоро сите европски земји, како и во земји од Блискиот Исток и други региони. Измамниците користат Фејсбук-страници навидум на теми од културата, дури и за колачиња, како платформа за пуштање огласи кои ги водат корисниците до веб-страници или блогови што изгледаат исто како оние за кои предупреди МВР

Le pubblicità ingannevoli continuano ad essere rivolte agli utenti dei social network di tutto il mondo. Utilizzando come punto di partenza i dati pubblici forniti da Facebook sugli annunci rivolti al pubblico della Macedonia del Nord, il team di Metamorphosis ha rivelato che gli stessi annunci sono utilizzati in quasi tutti i paesi europei, compresi i paesi del Medio Oriente. I truffatori utilizzano pagine di cultura, e persino i cookie, per lanciare annunci che dirigono gli utenti a siti web e blog che sembrano essere gli stessi avvertiti dalla polizia macedone.

Metamorphosis integra la rete Diritti digitali europei – EDRI che fin dalla sua fondazione nel 2004, si è adoperata per promuovere i diritti umani online, compresa la sicurezza dei bambini online.

Anche Jashari l'ha notato [mk]:

Многу загрижувачка карактиристика на овие групи на организиран криминал е што исто така користат страници кои тематски се наменети за деца и тинејџери за да ги камуфлираат своите злонамерни содржини. На пример страница претставена како заедница за популарната игра „МајнКрафт“ (со име напишано малку поинаку „Минекравт“) објавува огласи што продолжуваат да шират дезинформации за Шведска, насочени кон корисници во десетици земји – од Русија, Австрија и Белгија, до Сингапур, Катар и Обединетите Арапски Емирати.

Uno sviluppo preoccupante è che queste reti di criminalità organizzata utilizzano anche pagine destinate a bambini e adolescenti per camuffare i loro contenuti maligni. Ad esempio, un sito etichettato come una comunità per il popolare gioco MineCraft (chiamato Minecravt) ha eseguito annunci pubblicitari che continuano a diffondere informazioni errate sulla Svezia rivolte agli utenti in Russia, Austria, Belgio, ma anche a Singapore, Qatar ed Emirati Arabi Uniti, e decine di altri paesi.

Facebook transparency tools reveal that a MineCraft themed page is used as platform for ads by scammers.

Gli strumenti per la trasparenza di Facebook rivelano che i truffatori utilizzano una pagina su MineCraft come piattaforma pubblicitaria.

Gli utenti che cliccano su questi annunci sono reindirizzati ad una pagina che li incoraggia a scrivere i loro dati personali. Nel caso della Svezia, questa pagina viene mascherata come un buono sconto.

Contenuto di una pagina sospetta di truffatori che viene promossa attraverso gli annunci di Facebook.

Anche se MineCraft ha molti seguaci adulti, è un gioco particolarmente popolare tra i bambini tra i 9 e gli 11 anni. Questa pratica aiuta a condizionare il pubblico futuro che è particolarmente suscettibile alla disinformazione e alle truffe.

Gli imbroglioni sfruttano l'impatto della disinformazione politica

“Siamo in un momento cruciale per le nostre banche, ed era solo questione di tempo prima che prevedessero un incendio dell'euro. Quello che la Svezia ha fatto non è solo storico, è necessario”.
Annuncio su Facebook pubblicato a novembre 2019 che promuove una pagina di truffe e diffonde informazioni errate sulla Svezia e l'Unione Europea

A novembre 2019, il progetto Critical Thinking for Media Literacy (CriThink) di Metamorphosis ha avvertito che gli imbroglioni traggono vantaggio da degli articoli di disinformazione sulla Svezia.

Le pubblicazioni sponsorizzate da Facebook attirano persone che erano già state reindirizzate su delle reti mediatiche populiste di destra nel nord della Macedonia, per creare manipolazioni dei media sui disordini nel paese e dell'Unione Europea, pubblicato originariamente con mezzi simili al Cremlino.

Allo stesso modo, questi articoli promuovevano la falsa notizia che la Svezia aveva introdotto una nuova criptovaluta contro l'euro.

Per lanciare questi annunci georeferenziati, i truffatori hanno utilizzato una serie di pagine con temi di interesse generale, tra cui alcuni come fan club non ufficiali di celebrità occidentali come Liam Neeson e Anthony Michael Hall.

CriThink, un'iniziativa finanziata dalla Delegazione dell'Unione Europea nella Macedonia settentrionale, istruisce gli utenti dei social media locali su come utilizzare le funzionalità di trasparenza delle pagine di Facebook utilizzate dai truffatori per segnalare e bloccare le pagine sospette utilizzando i meccanismi forniti dalla piattaforma.

Per incoraggiare la partecipazione dei cittadini ad aumentare i livelli di consapevolezza dei media, gli articoli dei social media di CriThink forniscono agli utenti le istruzioni per utilizzare le funzioni di segnalazione per avvertire gli amministratori di contenuti dannosi che vanno dai discorsi di odio alle truffe.

Notifica su Facebook della rimozione di annunci delle pagine di truffa destinate agli utenti della Macedonia settentrionale.

Diverse settimane dopo, a dicembre del 2019, Facebook ha informato alcuni utenti che hanno partecipato all'azione online di aver rimosso gli annunci segnalati come truffe.

Utilizzo del marchio Forbes in Macedonia del Nord

Poiché la rivista Forbes ha una buona reputazione come fonte credibile di informazioni commerciali, è diventata anche il bersaglio di varie manipolazioni mediatiche nel nord della Macedonia.

Il regime che ha governato il Paese tra il 2006 e il 2017 ha utilizzato il denaro dei contribuenti per pubblicare pubblicità di contenuti sponsorizzati sulla rivista Forbes e sui media occidentali.

Questi articoli si riferiscono principalmente ai vantaggi che il paese offre agli investitori stranieri.

Gli articoli sono stati utilizzati anche come propaganda interna. I media vicini al partito di governo populista hanno travisato i contenuti retribuiti come articoli scritti da esperti di economia o da lavoratori di Forbes che elogiavano le politiche economiche degli allora governanti.

Questa truffa mediatica è stata ripetuta periodicamente, ed è stata smentita più volte nel 2014 dal servizio Media Fact-Checking, istituito da Metamorphosis con finanziamenti USAID.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.