chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Capire le difficoltà che Porto Rico ha con Washington attraverso la satira

Screenshot taken from video.

Uno screenshot estratto dal video.

In un momento in cui quasi tutte le notizie da Porto Rico nei principali media si concentrano sui guai fiscali ed economici [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione] dell'isola, la valanga di titoli infelici che gira sui social media può risultare pesante.

Ed è proprio in tempi come questi, quindi, che la satira entra in scena per giocare un ruolo fondamentale nell'aiutare a dare un senso alle notizie, o meglio, alle modalità con cui le notizie sono spesso strutturate.

The Juice Media, una pagina Facebook specializata nella satira, ha creato un video su ciò che si crede sia la radice dei molti dei problemi e svantaggi di Porto Rico: il colonialismo targato USA.

Il video è stato ampiamente condiviso su Facebook e i suoi creatori sono stati incoraggiati a produrre il filmato dopo il successo di un video simile sulle Hawai'i nella loro serie “Honest Government Advert” (Pubblicità governative oneste).

Il video riassume alcuni dei modi con cui il governo degli Stati Uniti ha storicamente sfruttato Porto Rico, dall’ utilizzo del sito come luogo di sgancio di bombe per decenni, alla sterilizzazione di più di un terzo di donne dominicane a loro insaputa o senza il loro consenso nella metà del ventesimo secolo.

La frizzante presentatrice nel video esordisce così:

Fortunately, however, few know about the real Puerto Rico, a Territory of the United States since 1898 when we seized it from the Spanish […] who in turn stole it from the Taino […] Which makes Puerto Ricans US citizens—well second-class citizens… [because] despite fighting in every one of our wars they still can’t vote for President and have no representation in Congress. In other words, US citizens who have f*-all say in the laws the US Government makes for them…

Fortunatamente, comunque, pochi conoscono la vera Porto Rico, territorio statunitense dal 1898 quando lo abbiamo soffiato agli spagnoli […]  che, a loro volta, lo avevano rubato ai Taino […] Ciò che rende i portoricani cittadini USA – beh, cittadini di serie B… [perché] nonostante aver combattuto in ogni guerra non possono ancora votare il Presidente e non hanno rappresentanti al Congresso. In altre parole, cittadini USA che non hanno un c***o secondo le leggi che il governo USA vara per loro…

Qui di seguito è possibile vedere l'intero video :

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.