chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Iana Varvaruc

indirizzo email Iana Varvaruc

ultimi articoli di Iana Varvaruc

Le proteste di Daraa fanno scoppiare la bolla del regime siriano nel giorno delle elezioni

Al-Assad votò a Douma, importante roccaforte dell'opposizione, per inviare un messaggio che la guerra è finita e che lui è il vincitore. Ma le proteste...

I macedoni riescono a scherzare riguardo una seria disputa sul nome con la Grecia

Sebbene la maggior parte dei cittadini della Repubblica di Macedonia consideri la disputa sul nome con la Grecia una questione seria, alcuni l'hanno affrontata con...

L'UNESCO riconosce l'usanza balcanica di celebrare la Giornata della nonna di marzo come patrimonio culturale

Gli attivisti culturali nell'Europa sudorientale celebrano il riconoscimento dell'UNESCO della Festa della Nonna dei Balcani, in cui si indossano ornamenti di lana rossa e bianca.

Alcuni dei contributi della musica pop moldava alla cultura meme globale

Poche persone lo ricordano, ma due meme popolari conosciuti in tutto il mondo sono in realtà di origine moldava.

Scene della settimana più letale del Myanmar mentre il colpo di stato prosegue per il secondo mese

"Sono così determinati a vedere la fine della dittatura militare, semplicemente non c'è modo che il loro movimento possa morire".

Nella Transnistria non riconosciuta, un pensionato affronta accuse penali per retorica “anti russa”

Un cittadino della Transnistria di 70 anni rischia una condanna di cinque anni per dichiarazioni critiche sulle forze di pace russe nella regione separatista della...

RuNet: cosa ci aspetta nel 2020?

Intervista con Alexander Isavnin, ricercatore presso la Internet Protection Society, sui prossimi passi del Governo russo per regolare e controllare il cyberspazio.

Notizie false e disinformazione alimentano le tensioni etniche in Afghanistan

"La verità è che l'immagine che circola è falsa. Appartiene a Wakil Kohsar ed è stata fatta nel 2016."

Il più progressista dei media russi si trova dalla parte sbagliata del #MeToo

Kolpakov è il primo uomo a dimettersi pubblicamente per accuse di violenza sessuale in Russia. Ed è un sostenitore di #metoo.