chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Queste idee folli sono la nostra ultima speranza per salvare i rinoceronti africani?

Northern white rhino

Pur essendo più numeroso dei rinoceronti bianchi settentrionali, gravemente minacciati, il rinoceronte bianco meridionale è vittima di un assalto feroce da parte dei bracconieri. Foto di Elizabeth Haslam, utente di Flickr. CC-BY-NC-SA 2.0

Questo post di Adam Welz [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] è stato originariamente pubblicato sul sito Ensia.com, una rivista che illustra le soluzioni ambientali internazionali in atto, e viene ripubblicato qui conformemente a un accordo per la condivisione dei contenuti.

Nel 1909, dopo aver completato il suo secondo mandato come Presidente degli USA, Theodore Roosevelt ha diretto un'ambiziosa spedizione attraverso l'Africa orientale con l'obiettivo di cacciare esemplari per i più famosi musei in America. Insieme al figlio Kermit e ad alcuni naturalisti, ha cacciato migliaia di animali, dagli elefanti ai toporagni, dai grandi rapaci a minuscoli uccelli cantori. Il bottino della spedizione fu conservato in 4 tonnellate di sale e trasportato attraverso vaste savane da un gran numero di portatori africani, alcuni dei quali morirono lungo il tragitto.

La cattura più emblematica dell'epico safari scientifico di Roosevelt è stato il rinoceronte del Nilo, un misterioso tipo di rinoceronte con il labbro squadrato, che vive lungo il Nilo superiore nelle regioni che oggi denominiamo Sudan meridionale e Uganda settentrionale. Gli zoologi notarono che era straordinariamente simile al cosiddetto rinoceronte bianco dell'Africa meridionale, ma più piccolo, e che era separato dal rinoceronte bianco meridionale da migliaia di chilometri. I rinoceronti bianchi e quelli del Nilo appartenevano alla stessa specie? Gli esperti erano discordi.

Teddy e Kermit hanno ucciso soltanto nove rinoceronti del Nilo, pur avendone visti molti di più. “Sappiamo troppo poco su questi rinoceronti settentrionali dal labbro squadrato per essere sicuri che non si stiano estinguendo lentamente”, scrisse Roosevelt. “Non volevamo ammazzarli soltanto per avere dei trofei”.

Ci stiamo dirigendo verso un'era in cui la nuova tecnologia permette di salvaguardare le specie un tempo considerate condannate all'estinzione, ma anche un'epoca in cui le minacce arrivano in forme un tempo inimmaginabili. La cautela di Roosevelt era giustificata: il rinoceronte del Nilo, avendo sofferto per decenni la caccia di trofei e il bracconaggio, è realmente sull'orlo dell'estinzione. Chiamato spesso oggi il rinoceronte bianco settentrionale, ne sono rimasti solo cinque esemplari, tutti in cattività, e nessuno capace di riprodursi. Il rinoceronte bianco meridionale è vittima di un assalto feroce da parte dei bracconieri. Pur essendo la specie di rinoceronte più numerosa nel mondo, con forse 20.000 esemplari, gli ambientalisti ritengono che, se la loro uccisione continua ad aumentare al tasso attuale, tutti i rinoceronti bianchi meridionali selvatici potrebbero estinguersi nel prossimo decennio.

La grave situazione di queste specie molto correlate ha generato un numero impressionante di potenziali soluzioni, molte delle quali sollevano seri problemi etici, rischi imprevisti e conseguenze problematiche o si affidano a tecnologie non sperimentate. Ci stiamo dirigendo verso un'epoca in cui nuove tecnologie potrebbero permetterci di salvaguardare le specie un tempo considerate condannate all'estinzione, ma anche [un'epoca] in cui le minacce si presentano in forme un tempo inimmaginabili, che i protettori della fauna selvatica non possono gestire.

Crioconservazione

Nell'epoca di Teddy Roosevelt, salvaguardare le specie implicava poco più che dichiarare illegale la loro caccia e proteggere un luogo dove potevano vivere. Questo metodo ha funzionato bene per il bisonte americano, ma è fallito con la gallina della brughiera, un uccello nordamericano che viveva al livello del suolo e si è estinto nel 1932 per molteplici fattori (incluso a causa di problemi di incrocio genetico), poiché gli ambientalisti non avevano all'epoca la conoscenza o i gli strumenti per gestire la problematica.

Northern white rhino cells

Fra le cellule crioconservate immagazzinate nell'Istituto dello Zoo di San Diego per il Progetto di ricerca per la salvaguardia “Frozen Zoo” (zoo congelato) ci sono campioni di 12 rinoceronti del Nilo (bianco del nord). Foto concessa dallo Zoo di San Diego.

Se il rinoceronte del Nilo si fosse trovato nella situazione attuale un secolo fa, si sarebbe sicuramente estinto. Oggigiorno, tuttavia, gli ambientalisti credono di poterlo salvaguardare, spingendo agli estremi la scienza riproduttiva.

Tre dei cinque esemplari superstiti del rinoceronte del Nilo, due femmine e un maschio, vivono nel centro di recupero faunistico Ol Pejeta Conservancy in Kenya. Questi animali non sono riusciti a riprodursi a causa di vari problemi riproduttivi. Ricercatori in Germania e Sudafrica sperimenteranno tecniche di inseminazione artificiale su un gruppo di rinoceronti bianchi meridionali in Sudafrica, che saranno applicate il prima possibile ai rinoceronti del Nilo in Kenya, in un ultimo disperato tentativo di riprodurli.

L'Istituto per la Ricerca sulla Salvaguardia dello Zoo di San Diego ospita un “Frozen Zoo” (zoo congelato), dove le cellule di molti animali in pericolo di estinzione, inclusi 12 esemplari di rinoceronti del Nilo, sono congelati in nitrogeno liquido. Lavorando in parallelo con le attività in Germania e Sudafrica, lo staff di Frozen Zoo progetta di usare una tecnica sviluppata presso l'Istituto di Ricerca Scripps, per trasformare le cellule crioconservate dei rinoceronti del Nilo in cellule staminali che possono essere teoricamente usate per creare embrioni che potrebbero venire incubati nei rinoceronti bianchi meridionali nello zoo. Molti tasselli del puzzle devono ancora essere risolti, ma il team di San Diego ha ricevuto un finanziamento [nel 2015] per mappare le differenze genetiche tra i rinoceronti bianchi del Nilo e quelli meridionali, un aspetto cruciale della procedura.

Alcuni ambientalisti temono che se gli scienziati scoprono come creare nuovi animali da cellule conservate e immagazzinate economicamente in un fusto, per così dire, il denaro dei contribuenti sarà allontanato dalla salvaguardia e finalizzato a cose che sono immediatamente più popolari. Ci sono anche timori che i giovani rinoceronti del Nilo, allevati dai rinoceronti bianchi meridionali in cattività, potrebbero non apprendere comportamenti vitali per la loro sopravvivenza in natura. Possiamo davvero affermare di aver salvato il rinoceronte del Nilo, se agisce come un rinoceronte bianco meridionale che dimora in un giardino zoologico? Quanto è importante la “cultura” appresa per la formazione di una specie? E come possiamo ripristinarla?

Un'esperienza in movimento

I passi da compiere per salvare i rinoceronti bianchi meridionali dall'inarrestabile assalto dei bracconieri e trafficanti sempre più organizzati, che vendono i loro corni per somme astronomiche in Asia a consumatori che credono che il corno di rinoceronte curi il cancro e altre malattie e, inoltre, a uomini d'affari che cercano un simbolo di status, sono caratterizzati da estrema incertezza.

Progetti di trasferimento su larga scala stanno spostando centinaia di rinoceronti dal Parco Kruger e altre riserve a rischio verso altri parchi. La più grande popolazione di rinoceronti bianchi meridionali, forse 7.000 abitanti, risiede nel Parco Nazionale Kruger in Sudafrica. È l'epicentro mondiale del bracconaggio di rinoceronti: 827 carcasse trovate qui nel 2014. E il numero effettivo di esemplari cacciati di frodo potrebbe essere stato maggiore di 1.000. Malgrado il rafforzamento dei ranger del parco, con unità militari e la raccolta di dati estensivi sulle bande di bracconieri, le autorità del parco sono state incapaci di fermare il massacro.

Progetti di trasferimento su larga scala stanno spostando centinaia di rinoceronti dal Parco Kruger e altre riserve a rischio ad altri parchi, in tutto il Sudafrica e anche nei paesi limitrofi, come il Botswana. Le loro esatte destinazioni sono avvolte dalla segretezza, poiché le bande dei bracconieri hanno persino sequestrato i camion per ammazzare i rinoceronti che trasportavano. Un progetto propone persino di stabilire una popolazione di rinoceronti africani in Australia.

Tuttavia molti ambientalisti sudafricani sono diffidenti nei confronti di trasferimenti di rinoceronti su larga scala, poiché sono costosi e i bracconieri sono estremamente mobili, adesso usano elicotteri a bassa quota e apparecchi per la visione notturna per trovare i rinoceronti in aree remote. Grandi popolazioni di rinoceronti trasferiti potrebbero diventare nuovi “magneti per il bracconaggio” e attrarre i bracconieri in luoghi precedentemente tranquilli. Anche l'orgoglio nazionale entra in gioco; mandando i rinoceronti in altre nazioni, alcuni sudafricani si sentono come se stessero ammettendo la sconfitta.

I trasferimenti progettati accuratamente sono una parte comprovata delle attività di salvaguardia, e sono stati usati nel passato per incrementare le popolazioni di rinoceronti e salvare molte altre specie. Chiaramente, i costi per il trasferimento dei rinoceronti devono essere ponderati nel contesto. E la possibilità di creare nuovi magneti per il bracconaggio dovrebbe venire considerata. (Entrambi questi problemi possono essere risolti muovendo soltanto piccoli gruppi di animali, selezionati accuratamente). Un malriposto orgoglio nazionale ha determinato il tracollo dell'ultima popolazione selvatica di rinoceronti del Nilo, che viveva nel Parco Nazionale di Garamba [it], nella Repubblica Democratica del Congo. All'inizio degli anni 2000 gli ambientalisti progettavano di trasferire alcuni dei rimanenti 30 animali in Kenya, per creare una popolazione assicurata. I politici nazionalisti del Congo hanno bloccato il trasferimento, il bracconaggio si è intensificato e un censimento nel 2008 ha verificato che nessun rinoceronte era sopravvissuto.

Boicottare l'attrattiva

Altri ambiscono a salvare i rinoceronti rendendo i loro corni meno appetibili e preziosi.

Un gruppo di appassionati sudafricani dei rinoceronti ha iniziato a iniettare veleno dal colore vivace nei corni dei rinoceronti vivi. Il loro obiettivo è di rendere i corni inutili per i bracconieri e almeno parzialmente pericolosi per i consumatori. La strategia è giuridicamente controversa, poiché chi avvelena i corni potrebbe essere ritenuto responsabile dei danni subiti dai consumatori, per quanto questi ultimi stanno agendo illegalmente. E alcuni scienziati dicono che la miscela tossica non satura davvero il corno, e quindi è una perdita di tempo.

Un gruppo influente di proprietari di ranch sudafricani, attivi per la fauna selvatica, sta adottando un approccio opposto. Se i consumatori asiatici non smetteranno di pagare prezzi assurdi per il corno di rinoceronte, cacciato di frodo e commercializzato illegalmente, forse gli africani dovrebbero cambiare la legislazione sul commercio internazionale di fauna selvatica e creare un commercio legale di corno dai rinoceronti di allevamento, come dicono. (I corni di rinoceronte possono essere tagliati con cautela ogni paio di anni, senza nuocere agli animali; prima o poi ricrescono.) La loro idea è di inondare il mercato con corno legale, spingere i criminali fuori dal mercato e generare introiti per la salvaguardia dei rinoceronti.

L'opposizione internazionale a un commercio legale di corno è intensa, rendendo estremamente improbabile che i trattati internazionali possano essere alterati in un lasso di tempo che sia significativo per i rinoceronti. L'argomentazione è superficialmente accattivante. Che cosa c'è di sbagliato nel generare dollari per il benessere dei rinoceronti, senza ammazzarli? Tuttavia i critici che comprendono i mercati asiatici dicono che il commercio legale di prodotti di valore elevato della fauna selvatica stimolano la domanda, legittimandoli agli occhi dei consumatori, e creano canali attraverso cui riciclare i prodotti del bracconaggio. Questo è evidente dall'attuale commercio legale di avorio di elefante e di prodotti da tigri di allevamento in Cina. Lungi da ridurre la pressione sugli elefanti e le tigre selvagge, l'avorio legale e le parti di tigre hanno reso questi beni voluttuosi più visibili e desiderabili nella società cinese, spingendo il bracconaggio a nuovi livelli. Solitamente non esiste un modo di contraddistinguere i prodotti della fauna selvatica legalmente allevata da quella oggetto di bracconaggio, rendendo così facile vendere il materiale illegale nei luoghi di commercio legali; i corni dei rinoceronti cacciati di frodo e quelli allevati legalmente sono identici, rendendo l'applicazione delle leggi estremante difficile.

Sarebbe anche molto difficile, forse impossibile, per gli allevatori di rinoceronti conseguire il duplice obiettivo di generare grandi profitti per finanziate la salvaguardia e inondare il mercato per spingere i trafficanti di corno fuori dal mercato. Fare soldi per la salvaguardia significa massimizzare il prezzo del corno. Battere sul prezzo l'industria criminale della fauna selvatica significa vendere il corno a buon prezzo. Com'è possibile realizzare contemporaneamente il duplice obiettivo?

In ogni caso, l'opposizione internazionale al commercio legale del corno è intensa, rendendo estremamente improbabile che i trattati internazionali possano essere alterati in un lasso di tempo che sia significativo per i rinoceronti.

Soluzioni a livello militare

Il bracconaggio di rinoceronti si svolge spesso in zone impervie e maestose, che la polizia non riesce a controllare: il Parco Kruger, ad esempio, ha all'incirca le stesse dimensioni di Israele. E altri parchi africani sono anche più vasti. Tuttavia alcune aziende stanno riproponendo tecnologie di sorveglianza militare per potenziare l'abilità degli ambientalisti di monitorare queste superfici estese. Un'incredibile serie di droni, fotocamere a lungo raggio, microfoni ipersensibili, stazioni per il monitoraggio di telefoni cellulari e software all'avanguardia vengono imballati con l'obiettivo specifico di trovare i bracconieri prima che colpiscano.

Le squadre anti-bracconaggio con carenza di personale, disperatamente in cerca di aiuto, sono a favore dell'approccio con tecnologia militare. Tuttavia, alcuni critici esitano per i costi di questo hardware, evidenziando che i miliardi spesi in attrezzature simili non sono riusciti a fermare la gente e le droghe illegali che transitano attraverso le frontiere americane. Altri si chiedono se i turisti visiteranno così dei parchi che somigliano sempre più a campi militari.

Coltivazione artificiale del corno

Se tutto quello che interessa ai consumatori è il corno del rinoceronte, perché non lasciare gli animali in pace, coltivando il corno in laboratorio? Un'azienda di Seattle, Pembient, progetta di coltivare un corno di rinoceronte identico a quello in natura (e poi altri prodotti da fauna selvatica) usando una biotecnologia all'avanguardia e una massiccia dose di ottimismo tecnologico della Silicon Valley.

I critici sono preoccupati che, come con la vendita legale di corno da allevamenti, questo approccio possa avere ripercussioni orrende. Potrebbe dissociare il corno dalle brutali attività di bracconaggio nella mente di alcuni consumatori, rendendo il suo uso socialmente più accettabile. E potrebbe incrementare in modo contro-produttivo la domanda di corno da bracconaggio in altri consumatori, poiché il “vero” corno potrebbe essere considerato più genuino o potente.

Questo è già successo con il ginseng americano, una pianta che cresce selvatica nel sottobosco in tutto nord-est americano ed è molto apprezzata in Cina per uso medico. La creazione di una grande industria di ginseng coltivato ha fatto apparire le radici di ginseng coltivato migliori e preferibili, con un rialzo dei prezzi e un aumento della pressione sulle popolazioni spontanee. La raccolta del ginseng si è trasformata da una piccola occupazione stagionale a un grande generatore di denaro in luoghi come la regione dei monti Appalachi. La raccolta illegale è dilagante, e adesso ci sono violenti conflitti nelle macchie naturali di ginseng tra comunità rurali un tempo pacifiche.

Riduzione drastica della domanda

L'ultima soluzione al bracconaggio e al commercio illegale di prodotti della fauna selvatica è, naturalmente, persuadere la gente a non comprarli — un approccio noto come “riduzione della domanda”. Molti gruppi ambientalisti hanno prestato scarsa attenzione a questo in passato, ma le organizzazioni come quella che rappresento, WildAid, hanno realizzato progressi quantificabili, modificando la mentalità pubblica contro i prodotti della fauna selvatica e riducendo il consumo usando tecniche pioneristiche realizzate da Hollywood e dall'industria pubblicitaria.

C'è sempre il rischio che una campagna abbia conseguenze imprevedibili. Ad esempio, WildAid si è associata alla superstar cinese del basketball Yao Ming e ad altre celebrità in una campagna contro la crudele e dispendiosa uccisione di squali per la zuppa di pinne di squalo, un prodotto di prestigio il cui consumo stava esplodendo in Cina grazie all'aumento del benessere. La campagna pubblicitaria in televisione e sui tabelloni è stata vista da centinaia di milioni di persone in Cina. E l'anno scorso 85% di partecipanti a un sondaggio pubblico ha detto che avevano smesso di consumare le pinne di squalo nei primi tre anni, citando come motivo più comune le campagne di sensibilizzazione pubblica contro le pinne di squalo. I commercianti cinesi all'ingrosso hanno lamentato un massiccio declino nelle vendite, e i pescatori in tutta l'Asia stanno abbandonando il commercio delle pinne di squalo perché i prezzi sono troppo bassi.

Una serie di gruppi per la salvaguardia della fauna selvatica stanno adesso diffondendo passaparola, campagne su mezzi radiotelevisivi e telefoni cellulari contro l'avorio e il corno di rinoceronte in Asia, e i sondaggi rivelano che l'opinione pubblica sta iniziando ad orientarsi contro questi prodotti. C'è comunque molto da imparare nell'odierno paesaggio mediatico in continua evoluzione. E c'è sempre il rischio che una campagna abbia conseguenze imprevedibili. Molti gruppi ambientalisti rifiutano di quantificare i prezzi esorbitanti del corno di rinoceronte, ad esempio, per il timore di incoraggiare più traffico illegale.

Oltre l'immaginazione

Nel recente passato, la salvaguardia consisteva nel comprendere la biologia delle specie in pericolo di estinzione, proteggere e gestire i loro habitat, e lobbismo per una nuova legislazione. Oggi, salvare specie di elevato valore come i rinoceronti e gli elefanti significa superare in astuzia le reti dei bracconieri e trafficanti illegali, che sono sorprendentemente ben finanziate, in grado di sfruttare una tecnologia all'avanguardia e indenni da tediosi procedimenti giuridici e comitati governativi.

I protettori della fauna selvatica, da parte loro, devono diventare esperti manipolatori genetici, criminalisti, tecnologi militari e promotori. Devono risolvere problemi etici e pratici che le generazioni precedenti non avrebbero potuto immaginarsi.

Non c'è ovviamente una soluzione miracolosa. Gli ambientalisti non hanno altra scelta che impugnare le sfide del futuro e lottare con le rischiose tecnologie, affinché i rinoceronti, ma anche migliaia di altre specie, possano continuare ad esistere in una condizione che rispecchi il loro antico mondo selvatico.

Adam Welz è uno scrittore e regista, un naturalista di vecchia data, un appassionato osservatore di uccelli e un amante delle discussioni accanite. È il rappresentante sudafricano di WildAid, un'organizzazione no profit impegnata nel mettere fine alla domanda di prodotti illegali della fauna selvatica. I suoi tweet sono su @AdamWelz e @WildAid_SA.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.