chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La Rivoluzione degli Ombrelli di Hong Kong

Protesters used umbrellas to shield tear gas. Photo from Facebook group: Hong Kong Demo Now,

I dimostranti utilizzano gli ombrelli per farsi scudo contro il gas lacrimogeno. Foto presa dal gruppo Facebook: Hong Kong Demo Now

Dopo mesi di accampamento nel centro di Hong Kong passati a richiedere vere elezioni democratiche, i dimostranti di Occupy Central sono stati cacciati via dai loro sit-in per mano della polizia alla fine del 2014.

Ma nel distretto dello shopping di Mong Kok, i manifestanti non si sono dati per vinti così facilmente. A migliaia hanno passeggiato nell'area normalmente trafficata in una protesta pacifica dello “shopping”.

La poliziaha cercato di mettere in atto un'azione restrittiva arrestando i manifestanti, pratica non sconosciuta ad Occupy Central – 955 tra manifestanti e sostenitori della protesta sono stati arrestati da quando è partito il movimento. Gli attivisti dei diritti umani erano preoccupati del fatto che gli agenti avessero come obiettivo per gli arresti i minorenni, più vulnerabili alle minacce e probabilmente meno consapevoli dei propri diritti legali. Nel weekend tra il 13 e il 14 dicembre 2014, 14 adolescenti sono stati presi in custodia.

Gli Occupanti che protestavano hanno resistito con l'aiuto degli ombrelli ai violenti tentativi della polizia di sgomberare il loto presidio usando gas lacrimogeno e spray al peperoncino, questo ha fatto sì che alcuni organi della stampa internazionale soprannominassero il movimento la “rivoluzione degli ombrelli”. Quest'ultimo è stato anche obiettivo di pressioni politiche e intimidazioni da parte delle aitorità hongkonghesi e della Cina continentale.

Il moviemento pro-democrazia di Hong Kong si è lentamente e indubbiamente preparato per mesi al sit-in nel caso in cui la precedente richiesta di libere elezioni fosse passata inascoltata. Pechino ha promesso ad Hong Kong, regione amministrativa a statuto speciale della Cina, un primo voto diretto alle elezioni del 2017 per il proprio leader principale, ma ha mutilato lo sviluppo democratico stabilendo come prerequisito che tutti i candidati siano supportati dalla maggioranza di un comitato nominato pieno di membri pro-Pechino che approvino le elezioni.

I funzionari della Cina continentale hanno rilasciato questa delibera alla fine dell'Agosto 2014. Ma ancor prima dell'annuncio della riforma cinese del quadro elettorale di Hong Kong, Pechino insisteva che “l'amore per la patria” fosse un requisito per l'amministratore generale di Hong Kong e che un comitato di nomina dovesse prendere parte al processo, cosa che ha allarmato gli hongkonghesi. L'ex colonia britannica dovrebbe godere di un alto livello di autonomia dal continente comunista grazie al principio “un paese, due sistemi”, ma nel libro bianco rilasciato dal governo di Pechino a giugno del 2014 sembrava suggerire che i funzionari cinesi adottassero un'interpretazione blanda del significato di tale autonomia.

Il gruppo alle spalle del sit-in, Occupy Central with Love and Peace, ha organizzato un referendum non ufficiale all'inizio dell'estate del 2014 per raccogliere le opinioni dei cittadini su tale faccenda. Circa 800,000 persone hanno firmato il referendum che includeva tre differenti scenari elettorali, tutti e tre ammettevano la scelta dei candidati da parte dei cittadini.

Il 1 luglio 2014, anniversario del passaggio di Hong Kong alla Cina nel 1997, mezzo milione di persone hanno sfilato per Hong Kong. La giornata è divenuta tradizionalmente teatro di proteste per il suffragio universale, per la democrazia e per l'autonomia dalla Cina. Occupy Central ha tenuto un sit-in pacifico di prova più tardi lo stesso giorno, alla fine del quale oltre 500 persone sono state arrestate con l'accusa da parte della polizia di partecipare ad un'assemblea illegale che impediva agli agenti di polizia di esercitare le proprie mansioni.

I gruppi attivisti degli studenti hanno lanciato un boicottaggio di classe alla fine di settembre dello stesso anno per continuare a combattere per un'elezione democratica del delegato generale e prendere lo slancio per il sit-in di Occupy Central, la cui attuazione era attesa intorno alla Giornata Nazionale della Repubblica Popolare Cinese, il 1 ottobre. A migliaia si sono radunati nel centro di Hong Kong e sono scoppiati scontri violenti in diversi punti il 27 settembre.

Occupy Central ha dato il calcio di inizio il giorno seguente al sit-in che avevano pianificato, i manifestanti si sono presto trovati di fronte a manganelli, gas lacrimogeno e spray al peperoncino man mano che guadagnavano terreno.

Gruppi progovernativi hanno tentato di eguagliare la mobilitazione pro-democratica, senza successi significativi. Il governo di Pechino, nel frattempo, tentava di proporre il comitato di nomina come soluzione al fine di affermare una democrazia in stile cinese.

Tuttavia, la questione è più seria di una semplice battaglia delle pubbliche relazioni. Gli officiali del continente hanno vagliato i candidati di Hong Kong a partire dal loro supporto per il Partito Comunista Cinese in quanto questione di sicurezza nazionale, e alcuni a Hong Kong temono che continue proteste pro-democratiche potrebbero condurre ad un intervento violento da parte dell'esercito di Pechino, così come successe durante le manifestazioni di Piazza Tiananmen nel 1989, quando a centinaia furono uccisi in una sanguinosa repressione.

Le pressioni verso coloro che dichiarano il proprio dissenso sta crescendo. Un popolare sito di informazione pro-democratica, The House News, ha chiuso il 26 luglio 2014; il fondatore ha dichiarato di essere terrorizzato dall'atmosfera politica di Hong Kong.

In manifestanti Pro-democrazia credono che il loro futuro sia a rischio e lo stesso vale per il governo cinese. Lo scontro è ben lontano dal concludersi.