chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

· novembre, 2013

articoli mini-profilo di Etnia da novembre, 2013

22 novembre 2013

Polonia: violenze dei nazionalisti di destra durante la Festa dell'Indipendenza

L'11 novembre vari episodi di violenza sono avvenuti durante una marcia organizzata dal Movimento Nazionalista. L'avanzata politica della destra negli ultimi periodi preoccupa molti netizen.

21 novembre 2013

Cina: Per favore, non etichettate gli Uiguri come terroristi

La minoranza uigura è sempre più spesso associata al terrorismo. Questa linea dei media cinesi ha addossato a loro la responsabilità di alcuni sporadici incidenti.

19 novembre 2013

Brasile: “Il prossimo potresti essere tu” questioni di genere, razzismo e i limiti della comicità

Fin dove può spingersi la comicità?. Questo è il tema che ha attualmente guadagnato un posto in prima pagina nel mondo dell'informazione brasiliana dopo alcune...

18 novembre 2013

GV Face: il sogno della riforma dell'immigrazione negli USA

GV Face

Global Voices ha intervistato attivisti ed esperti sui movimenti per la riforma dell'immigrazione americana, che coinvolge circa 11 milioni di persone che vivono senza documenti.

17 novembre 2013

Bangladesh: hijra riconosciute come un sesso separato

La decisione del paese arriva poco dopo l'annuncio della Germania riguardo all'offrire un'opzione per il terzo sesso sui certificati di nascita.

15 novembre 2013

Rep. Dominicana: 200,000 cittadini di origine haitiana privati della loro nazionalità

ONG e attivisti manifestano contro la sentenza che ha tolto la nazionalità dominicana a 250 mila persone con origini haitiane. Il paese appare diviso.

3 novembre 2013

Russia: lettera di una ragazza musulmana dopo l'attentato kamikaze di Volgograd

RuNet Echo

Dopo il recente attentato kamikaze, una russa musulmana spiega in una lettera le problematiche avute per la sua religione e la sorprendente solidarietà dimostratale.