chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Questi post è ripreso da Advox, progetto del circuito Global Voices mirato a tutelare la libertà d'espressione contro la censura online. Per saperne di più · tutti gli articoli

RSS

articoli mini-profilo di Advox da novembre, 2018

22 novembre 2018

Bashir Khadda, attivista del Sahara Occidentale detenuto in Marocco, termina lo sciopero della fame dopo 45 giorni

Bashir Khadda è tra i 25 attivisti perseguitato e incarcerati dalle autorità marocchine per i loro ruoli nel movimento di protesta Gdeim Izik del 2010.

14 novembre 2018

Israa Al-Ghomgham, la donna saudita condannata a morte per le sue proteste pacifiche

Nel 2011, Al-Ghomgham e altri attivisti sciiti si sono battuti per i diritti umani.

7 novembre 2018

I giornalisti brasiliani hanno subito attacchi hacker, doxing e altre minacce durante le elezioni presidenziali

Durante il ciclo elettorale del 2018, sono stati registrati 141 casi di minacce e violenza contro i giornalisti brasiliani.

In Iran, le app di messaggistica sanzionate dallo stato mostrano la nuova frontiera della nazionalizzazione di internet

Dopo aver censurato Telegram, le autorità iraniane hanno adottato misure aggressive per favorire l'utilizzo di servizi di messaggistica nazionali.

6 novembre 2018

Morte per burocrazia? I regolatori russi colpiscono un sito di notizie indipendente con una multa astronomica

RuNet Echo

Una multa del genere significa, ovviamente, bancarotta e immediata chiusura per la rivista.

3 novembre 2018

Arrestato in Arabia Saudita e poi scomparso lo scrittore yemenita Marwan Al-Muraisi

Nel regno autoritario dell'Arabia Saudita, l'intolleranza contro le voci indipendenti si intensifica sotto il governo di Mohammed Bin Salman.

Le telecomunicazioni della comunità indigena in Messico continueranno a funzionare, ma c'è ancora tanto da fare

Rising Voices

"Per noi, il fatto di dover pagare 1 milione di pesos, significava che avremmo smesso di operare."