chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

· aprile, 2011

articoli mini-profilo di Asia orientale da aprile, 2011

leggi l

Cina: l'espulsione degli “indesiderati” dai centri urbani

  24 aprile 2011

Dall'inizio dell'anno, le principali città cinesi hanno iniziato a espellere gli elementi considerati pericolosi e indigenti: la proposta, considerata una misura di "controllo sulla popolazione" era stata introdotta durante il Congresso del Popolo dello scorso gennaio. I commenti dei blogger cinesi.

leggi l

Cina: ancora lunga la battaglia per la sicurezza alimentare

  18 aprile 2011

Nelle ultime settimane si sono verificati numerosi scandali alimentari, da panini adulterati a latte contaminato -- a riprova del fatto che il Paese fatica ancora a mantenere i livelli di sicurezza. E i netizen si chiedono: quand'è che il Governo deciderà di applicare misure davvero efficaci?

leggi l

Fukushima: tra la popolazione dilagano critiche e rabbia

  17 aprile 2011

Le aperte proteste, contro la Tepco in quanto operatore e contro il governo in qualità di organo di vigilanza, erano state di lieve entità fino a poco tempo fa, ma ora la situazione è cambiata. Per molti Paesi stranieri comunque, abituati a ben altre intensità di protesta, il dubbio resta. Perché i giapponesi sembrano così riluttanti ad accusare i responsabili di questo disastro causato dall'uomo e a criticare il governo che ha permesso che tutto ciò accadesse?

Cina: pulizia urbana a Shenzhen

  13 aprile 2011

Mary Ann O'Donnell scrive sul suo blog riguardo il recente movimento di pulizia urbana a Shenzhen, con il quale la città si è liberata di 80.000 "individui pericolosi".

Cina: le proteste dei netizen sulla sicurezza alimentare

  12 aprile 2011

Latte contaminato o avvelenato, spinaci radioattivi, vino fasullo, metalli pesanti nel riso e per finire fragole geneticamente terrificanti, è l'elenco stilato da C. Custer nel blog ChinaGeeks [en] attingendo ai commenti in Sina Weibo [versione cinese di Twitter] sulla scia delle notizie apparse oggi a proposito della contaminazione dei panini...

leggi l

Cina: Tutti noi possiamo diventare Ai Weiwei

  10 aprile 2011

Ai Xiaoming, una collega regista e attivista dell'artista arrestato e sottoposta a stretto regime di sorveglianza, tenta di riassumere il significato dell'opera di Ai Weiwei: "Ai è riuscito a dare legittimità al diritto dei cittadini di filmare e vagliare liberamente il materiale registrato".

leggi l

Cina: Il Global Times attacca Ai Weiwei: reazioni dal web

  9 aprile 2011

Il giornale ufficiale cinese Global Times pubblica un duro editoriale di condanna contro l'artista Ai Weiwei, arrestato sei giorni fa, accusandolo d'essere un anticonformista della società cinese. Pronte le reazioni dei netizen.

leggi l

Giappone: “La paura della magnitudo 0″

  9 aprile 2011

Riflettendo a freddo sul significato della vita nel dopo-terremoto, il noto autore Keiya Mizuno sottolinea l'importanza della memoria storica e delle lezioni da tenere a mente come effetti a lungo termine di simili tragedie.

leggi l

Cina: indagine sugli studenti o controllo delle menti?

  7 aprile 2011

L'Università di Pechino, importante istituto di ricerca e centro del pensiero progressista, introdurrà un programma di consultazione degli studenti a partire da Maggio 2011. Apparentemente un programma di sostegno per gli studenti con difficoltà, ma per molti solo un modo per individuare radicali e liberi pensatori. I netizen cinesi ne discutono.

leggi l

Giappone: lo tsunami, Dio e l'uomo

  4 aprile 2011

Pochi giorni dopo il disastro che ha spazzato via oltre diecimila persone, il vice-presidente italiano del Consiglio Nazionale delle Ricerch (CNR) Roberto De Mattei e il Governatore di Tokyo Shintaro Ishihara hanno lasciato senza parole la blogosfera italiana e quella giapponese dichiarando che la catastrofe si è abbattuta sulla popolazione come una manifestazione della volontà di Dio. I blogger di entrambi i Paesi hanno reagito chiedendo le loro dimissioni.